Valutare quale soluzione cloud è adatta alle tue esigenze specifiche.

Negli ultimi anni, c’è stato un notevole cambiamento nelle soluzioni di telecomunicazione, passando da implementazioni locali a implementazioni cloud o ibride. In effetti, entro il 2024 l’80% delle imprese passerà alla cloud telephony.

Sebbene il cloud non sia adatto a tutte le organizzazioni, questo cambio di orientamento è dovuto principalmente alla rapidità di aggiornamento tecnologico, alla scalabilità e al budget operativo offerti dal cloud. Si prevede inoltre che l’uso di soluzioni on premise continuerà a diminuire con un tasso di decrescita attorno al 15% all’anno.

Quello che non è chiaro a molti utenti, nonostante tutti i discorsi sul cloud, è che quando si passa a una soluzione di telefonia in cloud, ci sono in realtà tre diversi tipi di cloud: privato, pubblico e ibrido. Questi offrono diverse sfumature all’utente finale, in termini di controllo, flessibilità, scalabilità, costi e sicurezza. Quando si decide quale forma di cloud è meglio acquistare per la propria azienda, è importante comprendere appieno i diversi aspetti di ciascuna soluzione, in modo da poter selezionare l’opzione migliore per la propria strategia.

 

Opzione 1: cloud privato

Cloud privato

Il cloud privato, a volte indicato come virtual PBX, è ospitato nel tuo data center personale e controllato dal firewall della tua azienda. Il cloud privato può essere particolarmente vantaggioso per le organizzazioni che hanno già investito in data server privati o che richiedono misure di sicurezza specifiche per i loro dati.

Il pro del cloud privato è che, poiché si trova dietro il firewall, la tua azienda ha il controllo totale su chi può accedere ai tuoi server, minimizzando il rischio di una violazione dei dati. Inoltre, poiché disponi di un tuo cloud privato, hai la flessibilità di trasformare l’infrastruttura in base alle mutevoli esigenze aziendali e IT della tua organizzazione. Avrai inoltre elevata scalabilità ed efficienza per soddisfare le esigenze imprevedibili senza compromettere la sicurezza e le prestazioni. Il cloud privato è anche un modello CAPEX, che può ridurre il TCO e consentire alla tua organizzazione di ammortizzare l’investimento.

L’aspetto negativo del cloud privato è che la tua azienda dovrà effettuare un investimento iniziale per rendere il cloud attivo e funzionante. Oltre all’acquisto dell’hardware è di fondamentale importanza la scelta del fornitore del programma di telefonia; dalla qualità e stabilità del software dipenderà la possibilità di gestire in sicurezza le telecomunicazioni aziendali. Inoltre, poiché il cloud privato è protetto dal firewall, la tua azienda è responsabile della manutenzione della tua rete e dell’assicurazione che questa possa resistere a una violazione dei dati.

In breve, il cloud privato è adatto a te se hai bisogno di:

  • Un alto livello di sicurezza, in cui le tue risorse non saranno condivise con gli altri e avrai un alto livello di controllo;

  • Alta scalabilità, in modo da poterti adattare rapidamente alle esigenze aziendali in rapida evoluzione;

  • Flessibilità aggiuntiva, in modo da poter personalizzare l’ambiente cloud in base alle esigenze aziendali specifiche.

 

Opzione 2: cloud pubblico

Cloud pubblico

Il cloud pubblico è ospitato su un provider di servizi di terze parti ed è distribuito su internet. Poiché i tuoi dati sono ospitati da qualcun altro, questo è tenuto a gestire e manutenere il data center, sollevando la tua organizzazione dalla responsabilità.

Che i tuoi dati siano archiviati altrove non significa che siano soggetti a rischi aggiuntivi. Il tuo spazio di archiviazione è tuo e risponde ai livelli di sicurezza. Per fare un esempio, confronta questo con l’utilizzo del sistema di deposito sicuro di una banca: ci sono centinaia di cassette di sicurezza nella cassaforte, la tua cassetta è separata. È completamente tua e la chiave è unica e disponibile solo per te. La sicurezza del cloud pubblico si basa sulle misure di sicurezza adottate dalla tua società di hosting e hai spazio per una notevole quantità di dati. Puoi persino aumentare lo spazio che hai, garantendo elevata scalabilità e flessibilità.

Il pro del cloud pubblico è che, poiché è ospitato al di fuori del sito, non sono necessari investimenti per distribuire e mantenere la propria infrastruttura IT. L’elevata scalabilità e flessibilità possono aiutare a soddisfare richieste di carico di lavoro imprevedibili. Il cloud pubblico include hosting e gestione off-premise e, come tutti gli ambienti cloud, i risparmi sui costi sono significativi. Il cloud pubblico è un modello OPEX, che consente costi mensili prevedibili per le organizzazioni.

L’aspetto negativo del cloud pubblico è che non è la soluzione più praticabile per le organizzazioni che devono aderire a elevati livelli di conformità della sicurezza o richiedere la disponibilità in carichi di lavoro IT critici e sensibili. La scarsa visibilità e il controllo nell’infrastruttura potrebbero non essere sufficienti per soddisfare una certa conformità normativa e vi sono limitazioni per quanto riguarda la personalizzazione e l’integrazione con i processi aziendali; per questo motivo è importante rivolgersi a organizzazioni altamente professionali.

In breve, il cloud pubblico è adatto a te se hai bisogno di:

  • Riduzione dei costi, non dovendo acquistare hardware o software. Pagherai solo per il servizio che usi;

  • Nessuna manutenzione a tuo carico, in modo che tu possa concentrarti sugli obiettivi aziendali;

  • Scalabilità quasi illimitata, in modo che le funzionalità possano essere aggiornate in remoto per soddisfare le esigenze aziendali.

  • Alta affidabilità, in modo da non doversi preoccupare di guasti.

 

Opzione 3: Cloud ibrido

Cloud ibrido

Il cloud ibrido combina l’uso del cloud privato e pubblico per aumentare la ridondanza. Il cloud ibrido è ideale per le aziende che hanno più posizioni, con comunicazioni business-critical, che hanno una o più posizioni con scarsa connettività di rete.

Quando un’organizzazione seleziona il cloud ibrido, inizia scegliendo tra cloud privato e cloud pubblico, in base alle sue esigenze specifiche. Quindi, per creare la soluzione ibrida, un gateway locale è ospitato sul sito. Durante la normale connettività, il gateway utilizza il cloud per completare le funzioni di comunicazione. In caso di scarsa connettività di rete, il gateway subentra per completare le funzioni di comunicazione, creando una maggiore ridondanza. Ciò garantisce che le tue comunicazioni rimangano attive e funzionanti, indipendentemente da ciò che sta accadendo con Internet nella tua zona.

Il pro del cloud ibrido è una maggiore ridondanza in caso di scarsa connessione a causa della rete o di condizioni meteorologiche locali estreme.

Il contro del cloud ibrido potrebbe la somma dei contro associati sia al cloud pubblico che privato ma spesso in realtà è la sottrazione di questi perché l’azienda può comunicare con entrambe le piattaforme a seconda delle situazioni.

In breve, il cloud ibrido è adatto a te se hai bisogno di:

  • Ridondanza, a causa della bassa connettività di rete o frequenti condizioni meteorologiche estreme nella tua zona.

Quale soluzione cloud è giusta per te?

Quindi quale soluzione cloud è giusta per te? Quando si tratta di selezionare una soluzione cloud, non esiste una risposta “corretta”. La soluzione migliore è quella che supporta al meglio le esigenze della tua azienda.

Scopri di più sui vantaggi di smartiCloud by Promelit.

Scarica ora il white paper "smartiCloud - il tuo centralino in Cloud su misura"

Condividi su: